Print Friendly, PDF & Email

I capelli grassi

Capelli lucidi, pesanti, che si appiattiscono sulla testa… I capelli grassi sono la conseguenza di uno squilibrio della secrezione di sebo del cuoio capelluto. Questo problema, piuttosto frequente, lo si riscontra in una persona su quattro ed è spesso mal tollerato. Scopri i nostri consigli per ritrovare una chioma leggera, brillante e sana.

Cosa sono i capelli grassi

Come la pelle, i capelli sono naturalmente ricoperti da un film idrolipidico, composto da sebo e da sudore prodotti dalle ghiandole sebacee e sudoripare. Idratante, nutriente e protettrice, questa sostanza grassa costituisce una barriera naturale che isola i capelli dalle aggressioni esterne. È indispensabile alla loro brillantezza e alla loro morbidezza.
Ma succede che il sebo venga secreto in eccesso dalle ghiandole sebacee. Eccessivamente ingrassati, i capelli assumono un aspetto oleoso e diventano pesanti. Il giorno dopo lo shampoo, si compattano e si appiattiscono in testa. Soffocato, il cuoio capelluto si può irritare e prudere. Nella maggior parte dei casi, i capelli sono grassi principalmente a livello della radice: la lunghezza o le punte possono essere normali o secche.
In parte di origine genetica (e quindi ereditari), i capelli grassi hanno la tendenza ad accentuarsi per effetto di altri fattori come:
• stress, shock emotivi e affaticamento,
• obesità,
• shampoo inadatti o colorazioni ripetute,
• alimentazione squilibrata, troppo ricca di grassi e zuccheri,
• abuso di alcol,
• variazioni ormonali,
• alcuni trattamenti medici e la pillola contraccettiva.

Curare i capelli grassi

• Lavare i capelli grassi non appena appaiono sporchi o quando il cuoio capelluto prude, con un shampoo dolce specificatamente formulato per i capelli grassi. Utilizzare una piccola quantità e diluirla bene prima di applicarla sui capelli. Massaggiare delicatamente il cuoio capelluto senza aggredirlo con le unghie per non attivare la produzione di sebo.
• Non utilizzare shampoo per bambini: questi prodotti sono troppo dolci ma generalmente contengono agenti sgrassanti, utili per i capelli dei più piccoli ma assolutamente non adatti ai capelli grassi degli adulti.
• Evitare di fare due shampoo di seguito: uno solo è sufficiente per lavare i capelli. Il secondo ha un effetto troppo abrasivo che provoca un aumento del sebo.
• Se si utilizza un trattamento districante o nutriente, applicarlo solo sulle punte evitando le radici dei capelli.
• Risciacquare perfettamente i capelli con acqua tiepida o fresca: evitare l’acqua calda che stimola le ghiandole sebacee. Poi asciugare delicatamente, senza strofinare, con un asciugamano di spugna.
• Una volta alla settimana, applicare una maschera all’argilla sui capelli: questo trattamento tradizionale consente di purificare il cuoio capelluto.
• Adottare un’alimentazione equilibrata, ricca di frutta e legumi freschi, ma anche di vitamina B6 che regola la produzione di sebo: si trova in particolare nei volatili, nel fegato, nelle patate, nelle banane, nei cavoli e negli spinaci. Invece limitare il consumo di alcol, grassi saturi (insaccati, piatti in salsa, prodotti da forno e dolci), zuccheri raffinati e piatti speziati.
• Evitare le colorazioni, la permanente, il ferro arricciacapelli e la piastra lisciante che indeboliscono i capelli e possono provocare una iperseborrea reattiva.
• Lasciare asciugare i capelli naturalmente il più spesso possibile. Nel caso si utilizzi l’asciugacapelli, tenerlo a buona distanza dai capelli e scegliere l’aria tiepida o fredda.
• Infine, se tali misure non permettono di ritrovare la salute dei capelli, consultare il dermatologo.